APRILE_LE NEWS

 

TERMINA LA 52° EDIZIONE DI VINITALY, TRA DEGUSTAZIONI ED EVENTI ALL'INSEGNA DEI VINI DELLA VALPOLICELLA DOC

Terminata la 52° edizione di Vinitaly, dopo quattro giorni interamente dedicati al vino italiano e ai vini della Valpolicella, nella splendida cornice della città di Verona. Il fitto calendario di attività del Consorzio Tutela Vini Valpolicella si è concluso mercoledì 18 aprile, con uno show cooking che ha visto sfidarsi il direttore del Consorzio Tutela Vini Valpolicella, Olga Bussinello e il direttore del Prosecco DOC, Luca Giavi. Un’amichevole di lusso, tra i due massimi rappresentanti dell’export enoico del “Bel Paese”. A condurre la gara per la realizzazione del miglior risotto, i divertentissimi Fede e Tinto. Nei giorni precedenti vanno ricordati due eventi di assoluta risonanza mediatica, il primo in partnership con Tannico, il più grande portale e-commerce online dedicato al vino italiano, che dal suo Double Decker ha ospitato non solo la vasta gamma di vini Valpolicella DOC, ma anche i racconti e gli aneddoti dialettali di Roberto Puliero, famoso attore teatrale veronese, che ha saputo rievocare al meglio i momenti conviviali all’interno delle antiche osterie veronesi, tra citazioni di Plauto e Cassiodoro e poesie di Barbarani e Betteloni. Non da meno, il pairing organizzato nella tensostruttura esterna del “Club Amici del TOSCANO®”, dove Amarone e Recioto della Valpolicella sono stati abbinati al celebre sigaro, grazie al sapiente coordinamento tra il sommelier Alessandro Scorsone e Il Fummelier®, Marco Prato. Allo stand consortile, invece, tante degustazioni firmate ONAV, all’insegna di una partnership che dura da diversi anni, oltre alle divertenti interviste di Radio Studio Più, On Air tutti i giorni dallo stand. Un grazie speciale alle 22 aziende che hanno condiviso con noi queste giornate e a tutti i partner che hanno reso indimenticabile questo Vinitaly 2018: Tannico, ONAV, Radio Studio Più, Levoni, Club Amici del TOSCANO®, Lessinia Food e Infermentum.

aprile1 18

 

RUBRICA: APPROFONDIMENTI

 2

 

NEL 2017 TRE ITALIANI SU QUATTRO (74%) HANNO ACQUISTATO ALMENO UNA VOLTA LE LORO BOTTIGLIE DIRETTAMENTE DAL PRODUTTORE IN CANTINA O NEI MERCATI DEGLI AGRICOLTORI (FONTE COLDIRETTI)

Un fatturato complessivo dell’enoturismo sui territori stimato in 2,5 miliardi di euro. È quanto emerge da una indagine online di Coldiretti nel 2018. E secondo la quale, tra quanti hanno comperato direttamente dal produttore, il 68% lo ha fatto in cantina, il 25% in un mercato degli agricoltori, il 6% in un punto vendita gestito direttamente dal produttore e l’1% dal sito internet aziendale. La vendita diretta si dimostra un fenomeno in rapida espansione, che rappresenta un’opportunità sia per i consumatori, che possono così risparmiare e garantirsi acquisti di qualità, sia per le imprese agricole che possono vendere senza intermediazioni e far conoscere direttamente le caratteristiche e il lavoro necessario per realizzare una specialità territoriale unica e inimitabile.

 

RUBRICA: ATTUALITÀ

3

 

OSSERVATORIO SIGNORVINO: AMARONE, FRANCIACORTA E PROSECCO GUIDANO LA CLASSIFICA DELLE DENOMINAZIONI PIÙ VENDUTE NEL 2017

Sono Amarone, Franciacorta e Prosecco a guidare la classifica delle prime 15 Denominazioni a valore più vendute nel 2017 negli store di Signorvino (Gruppo Calzedonia). Subito a seguire il Valpolicella Ripasso (che vede un costante incremento anche in GDO sia a valore che a volume), Barolo, Brunello di Montalcino, Bolgheri, Trento Doc, Chianti, Valpolicella, Gewürztraminer, Lugana, Nebbiolo, Barbaresco e Pinot Nero. E nel primo trimestre 2018 il 49% a quantità (56% a valore) dell’acquistato è rappresentato dai vini rossi, mentre i bianchi vengono scelti con una percentuale del 19% (15% a valore), le bollicine con una del 28% (24% a valore) lasciando ai rosati solo l’1% delle preferenze (0,5% a valore), su un giro di affari di circa 3 milioni di euro (dato del venduto a bottiglia, con un prezzo medio di 17,14 euro). Sono i primi dati dell’Osservatorio Signorvino, nato per monitorare direttamente il consumatore finale, dando indicazioni sui trend e le tendenze del vino italiano.