CANTINA VALPANTENA VERONA

Nel cuore della Valpantena, a metà strada tra la città di Verona e i monti Lessini, sorge la Cantina della Valpantena, una delle più affermate realtà vinicole della provincia veronese. La valle, il cui nome deriva dal greco pan-theos, valle di tutti gli dei, vanta tradizioni viticole antichissime, rintracciabili fin al I secolo a.C. La Cantina nasce nel 1958 come associazione cooperativa tra alcuni viticoltori veronesi. Ma, in poco tempo, riesce a raggruppare attorno a sé quasi tutti i produttori della zona. Oggi, la Cantina della Valpantena è una realtà affermata, che si è imposta con qualità e capacità competitive sui più importanti mercati mondiali. Raggruppa circa 300 aziende agricole veronesi e può contare su un'estensione di oltre 600 ettari di vigneto coltivati, distribuiti in tutte le più significative zone di produzione a denominazione di origine controllata della provincia : una diversificazione dei vigneti tale, da garantire un'offerta completa delle diverse tipologie di vino. A questa realtà si sono aggiunte, nel luglio 2003, dopo la fusione con l'Oleificio delle Colline Veronesi, altre 150 aziende olearie, dando così vita a un efficiente e completo polo oleovinicolo, alle porte di Verona. La Cantina della Valpantena ha ottenuto la certificazione non solo del sistema di gestione per la qualità, in base alla normativa internazionale Iso 9001, ma anche la BRC e l'IFS ed inoltre tutta la filiera della produzione è certificata, rispondendo in pieno alle disposizioni sulla tracciabilità degli alimenti. I numerosi premi vinti testimoniano il costante lavoro di ricerca e miglioramento delle tecniche di produzione, condotto dalla Cantina della Valpantena, che partendo dalla tradizione, è riuscita a coniugare, con sistemi di elevata qualità, l'antica arte del vino con il consumo moderno, proiettando l'azienda veronese ai vertici del panorama vinicolo nazionale.
Cantina Valpantena Verona S.c.a.

Via Colonia Orfani di Guerra 5/B
37142 Quinto (VR)

Fax +39 045 550883
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.